3.1 Fragrances 3: Agrumes cédratier

LES PRINCIPALES CULTURES DE L’ORANGERAIE LIGURE. La région allant de Menton à Sanremo produisait, à la fin du moyen-âge, trois types de fruits : les citrons dits « alla tedesca » exportés en Europe centrale, les cédrats pour les fêtes juives (dits « all’ebrea ») et les autres fruits lesquels étaient notamment destinés à l’industrie niçoise et grassoise de la parfumerie. On sait désormais que le cédrat est l’ancêtre des agrumes en Méditerranée suivi par le citron, issu de son croisement avec la bigarade.
 
Ill. Citrus medica, le cédratier, ancêtre de l’orangeraie méditerranéenne (Antonio Targioni Tozzetti 1825)
+ (More) Il “Magistrato de’ Limoni” e le tre principali colture. Nei primi anni del Settecento, pur persistendo la produzione familiare, che aveva caratterizzato l’inserimento di questa cultura in zona, veniva istituito il “Magistrato de’ Limoni” che presiedeva alla raccolta ed alla vendita della produzione locale,”, in Bordighera, Mentone e Ventimiglia. Il Magistrato gestiva l’osservanza dei ‘capitoli’, attraverso controllori dei frutti, appoggiati da estimatori, incaricati di reclutare i raccoglitori, e di sentenziare i prezzi di mercato. Il proprietario di limoneti non poteva interferire ne’ raccogliere il prodotto e soltanto a fine stagione riceveva il dovuto. Due capitoli regolamentavano la pezzatura del limone, sia nella maturazione, sia nella qualità, classificandola secondo le piazze di smercio. In generale erano selezionati: limoni alla tedesca, destinato al centro Europa, limoni e cedri all’ebrea, per la ricorrenza liturgica dei “Cedri”, raccolto col peduncolo e una o più foglie e spedito, in cestoni di canna, assieme ai cedri coltivati nella piana di Carnolese, presso Mentone, e frutti da torchio. Source: Luigino Maccario 1995. Gli agrumi nel Ponente Ligure. Source: http://www.cumpagniadiventemigliusi.it/vecchiosito/Alimentazione/Limoni_locali.htm